Super User

Super User

Venerdì, 30 Ottobre 2015 17:22

Cookie Policy

Cos'è un cookie?

I cookie sono brevi file di testo che vengono scaricati sul dispositivo dell'utente quando si visita un sito web . Ad ogni visita successiva i cookie sono reinviati al sito web che li ha originati (cookie di prime parti) o a un altro sito che li riconosce (cookie di terze parti). I cookie sono utili perché consentono a un sito web di riconoscere il dispositivo dell’utente. Essi hanno diverse finalità come, per esempio, consentire di navigare efficientemente tra le pagine, ricordare i siti preferiti e, in generale, migliorare l'esperienza di navigazione. Contribuiscono anche a garantire che i contenuti pubblicitari visualizzati online siano più mirati ad un utente e ai suoi interessi. In base alla funzione e alla finalità di utilizzo, i cookie possono suddividersi in cookie tecnici, cookie di profilazione, cookie di terze parti.

Cookie tecnici

I cookie tecnici sono quelli il cui utilizzo non richiede il consenso dell’utente. Questi cookie sono essenziali per consentire di navigare in un sito web e utilizzarne tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, un sito web non potrebbe fornire alcuni servizi o funzioni e la navigazione non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere. Un cookie di questo tipo viene inoltre utilizzato per memorizzare la decisione di un utente sull’utilizzo di cookie sul sito web.
A questa categoria appartengono anche i performance cookie, che talvolta sono chiamati anche analytics cookie. Si tratta di cookie che raccolgono informazioni circa l’utilizzo che un utente fa di un sito web e che consentono di migliorarne il funzionamento. Ad esempio i performance cookie mostrano quali sono le pagine più frequentemente visitate, consentono di verificare quali sono gli schemi ricorrenti d’utilizzo di un sito web, aiutano a comprendere ogni difficoltà che l’utente incontra nell’utilizzo e mostra l’efficacia della pubblicità che viene pubblicata sul sito.

I cookie tecnici sono essenziali e non possono essere disabilitati utilizzando le funzioni di questo sito web. In generale i cookie possono essere disattivati completamente nel proprio browser in qualsiasi istante.

Cookie di profilazione

studiodottorbonazzi.it non installa cookie di profilazione nel tuo computer.

Cookie di terze parti

Shinystat

Shinystat Free con IP anonimizzato (Shiny SRL.)
Shinystat è un servizio di analisi web fornito da Shiny SRL. (“Shiny”). La tecnologia sviluppata da Shiny srl per il sistema di monitoraggio e analisi ShinyStat, consente di rilevare il flusso delle visite al sito Web senza l’utilizzo di strumenti che permettano l’identificazione personale degli individui.
La metodologia utilizzata per la raccolta dei dati è, infatti, in grado di fornire solamente informazioni riguardanti il Paese di provenienza, le caratteristiche del browser e del sistema operativo utilizzati dal visitatore, le varie connotazioni temporali della visita (ad esempio il tempo di permanenza su ciascuna pagina) e i dettagli relativi all’itinerario seguito all’interno del sito con particolare riferimento alla sequenza delle pagine consultate. Non è in alcun modo possibile risalire all’identità del VISITATORE in quanto le rilevazioni vengono effettuate in tempo reale utilizzando cookie e memorizzando i dati sui server di Shiny srl nella sola forma aggregata. La rilevazione ed elaborazione dei dati, in forma assolutamente anonima, è finalizzata solamente a fornire all’UTENTE di ShinyStat indicazioni circa il maggiore o minore interesse dei VISITATORI rispetto al sito e, più in generale, ad evidenziare l’eventuale mutamento dei loro comportamenti.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento : Italia – Privacy Policy – Opt Out


Widget Google Maps (Google Inc.)

Google Maps è un servizio di visualizzazione di mappe gestito da Google Inc. che permette a questa Applicazione di integrare tali contenuti all’interno delle proprie pagine.
Dati personali raccolti: Cookie e Dati di utilizzo.
Luogo del trattamento : USA – Privacy Policy

 

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l'elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser : http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en

Questi cookie non vengono controllati direttamente dal sito dello Studio del Dottor Bonazzi, per revocare detto consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento ai seguenti siti:
http://www.youronlinechoices.com/uk/your-ad-choices
http://www.allaboutcookies.org/manage-cookies/index.html

Come disabilitare i cookie dal tuo browser

È possibile gestire i cookie anche attraverso le impostazioni del browser.
In ogni momento puoi accettare, rifiutare i cookie oppure decidere d’impostare un messaggio di avviso prima di accettare un cookie dai siti web visitati.
Le procedure per gestire i cookie differiscono a seconda del browser utilizzato, accedendo alla sezione guida di quest’ultimo puoi scoprire come gestire le impostazioni.
Ti informiamo che la modifica delle impostazioni avrà impatti solo su quel determinato browser e pc, per poter allineare il comportamento anche ad altri dispositivi e necessario ripetere l’operazione su ogni browser.
Ti ricordiamo inoltre che disabilitando alcuni cookie il sito web potrebbe non essere in grado di fornirti servizi profilati.

La presente privacy policy può subire modifiche nel tempo – anche connesse all'eventuale entrata in vigore di nuove normative di settore, all'aggiornamento o erogazione di nuovi servizi ovvero ad intervenute innovazioni tecnologiche – per cui l’utente/visitatore è invitato a consultare periodicamente questa pagina.

Mercoledì, 30 Ottobre 2013 10:23

Termini e Condizioni

termini e condizioni

Lunedì, 22 Ottobre 2012 22:42

Lo Studio

L’odontoiatria moderna non può più rimanere confinata al mero salvataggio, alla pur importante sostituzione dei singoli denti, o alla riduttiva considerazione che i denti dritti e bianchi “sono belli”. Non ho mai visto una bocca BELLA in una persona depressa o con seri problemi affettivi, sociali, economici, personali. Quelle che, secondo i canoni meccanicistici della medicina scientifica galileiana (la nostra), sono le bocche più difficili da sistemare, appartengono a bambini disadattati, figli di genitori separati o con altri problemi che non hanno permesso loro uno sviluppo armonico della personalità, e la cui bocca porta con sé questi problemi. In tutti questi e in altri casi, l’odontoiatria classica non riesce, se non a costo di anni e anni di terapie invasive e se vogliamo anche un po’ violente, a dare un assetto stabile alla bocca.

Studio dentistico Dottor BonazziA praticamente ogni apparecchio ortodontico fanno seguito sistemi di contenzione per ‘bloccare’ i denti nella posizione raggiunta, perché lasciati finalmente liberi al termine della cura, nella maggior parte dei casi se ne tornano tranquillamente dov’erano. Il motivo è che le correzioni forzate non sono, ovviamente, processi naturali. Tanti anni di lavoro alla poltrona e di conseguente osservazione e riflessione su tutto quel che vedevo e mi trovavo a fare, mi hanno spinto a cercare un modo terapeutico che permettesse alla bocca di lavorare meglio e, di conseguenza, durare di più. Così come qualsiasi ingranaggio funziona meglio e più a lungo tanto è ben bilanciato e lubrificato, la bocca, mirabile congegno biomeccanico, rimane in salute e lavora meglio tanto più è equilibrata. Studio dentistico Dottor BonazziMa questo equilibrio, con buona pace degli ortodontisti, non può essere imposto, perché solo la bocca dell’individuo stesso sa, come qualsiasi altro suo organo, qual è quello migliore. È stato quasi per caso che ho finalmente incontrato il metodo che permette alla bocca di raggiungere il PROPRIO equilibrio, metodo che oltretutto ha anche un bellissimo nome: Dentosofia. La Dentosofia si è sviluppata sulla base del lavoro di due professori francesi che hanno messo a punto, nel 1953, un apparecchio chiamato ‘Attivatore Pluri-Funzionale’ perché permette a tutto il sistema bocca, quindi denti, lingua, guance, muscoli, legamenti, articolazioni e ossa, di raggiungere il miglior equilibrio possibile, sfruttando la capacità che ogni organismo ha di rimodellarsi continuamente in virtù del ricambio cellulare fisiologico guidato da nuovi stimoli, un po’ come succede ai muscoli quando si comincia ad andare in palestra, o quello che accade alla coordinazione delle dita di un pianista che si esercita con il suo strumento.

Studio dentistico Dottor BonazziInutile dire che l’aver conosciuto la Dentosofia ha (finalmente!) cambiato il mio modo di curare il paziente, e dato una risposta alle domande che mi ponevo ormai da decenni. Erano due principalmente: come è possibile decidere a priori quale deve essere la corretta posizione dei denti nelle arcate? E perché, una volta raggiunta quella che nel progetto del medico che mette l’apparecchio è la situazione ideale in una bocca, i denti non rimangono a posto senza contenzione? Ebbene, con l’attivatore i denti si spostano autonomamente nella posizione più corretta, proprio come il nostro stomaco decide in modo autonomo di digerire o il nostro cuore di battere, e una volta terminata la terapia rimangono ‘dritti’. Inoltre, trovandosi ormai in una bocca equilibrata, non si cariano quasi più. Descrivere in poche righe questa metodica e riassumerne la teoria è impossibile, invito perciò chi volesse approfondire l’argomento a leggere il libro del Dott. Michel Montaud, discepolo dei professori Soulet e Besombes, “Denti e salute” ed. Terranuova, pubblicato in Italia già da qualche anno.

 

Dott. Giampiero Bonazzi

 

Che cosa c’è dietro un sorriso? “Una contrazione dei muscoli facciali!” risponde l’aspirante fisiologo, “uno stato d’animo o un’emozione!” dice lo studente di psicologia, ma nonostante la prima risposta sia differente, a nessuno dei due sfugge che in un semplice sorriso ci sono aspetti puramente fisici come la contrazione muscolare, e altri che invece dipendono dalla sfera psicologica. E quanti stati d’animo e emozioni si possono esprimere con il sorriso! Può essere sarcastico, nostalgico, sardonico, gioioso, sereno… Il nostro corpo tramite le espressioni si mette al servizio della nostra emotività, per rendere azione l’intenzione. Manifesta, attraverso il movimento, la nostra personalità. Mente e corpo sono intimamente connessi e la salute di ciascuno dipende direttamente dalla salute dell’altro. “Sì, ma chi dei due ‘comanda’?” chiederebbero i due studenti. Oggi come oggi potrebbe sembrare difficile rispondere: siamo cresciuti con la convinzione che esista una soluzione farmacologica a ogni disordine dell'organismo, che risolva a livello molecolare ogni piccolo guasto meccanico che ci può colpire col passare del tempo. Ma per tornare al nostro sorriso, può esisterne uno senza che vi sia un’intenzione, o un’emozione a causarlo? In questo caso rispondere è più semplice: no. Che sia triste o felice, esprime sempre un lato della nostra personalità, della nostra psicologia.

sorridiLo stesso discorso, in ambito medico, si può fare con la patologia. C’è chi pensa che non sia altro che un malfunzionamento temporaneo o permanente della ‘macchina corpo’, e chi invece interpreta la malattia come un segno di squilibrio che è lì per rendere manifesto qualcosa che non va, nel mondo invisibile delle emozioni e dei pensieri. Nella pratica dentosofica, e quindi nell’attività quotidiana in studio, il modello psicosomatico è la base dalla quale ogni trattamento prende forma si sviluppa, e che permette di ottenere risultati tanto più rapidi e permanenti nel tempo, quanto più si affrontano le cause profonde che ‘organizzano’ il problema della bocca, che sia una dismorfosi, un malposizionamento dei denti o una semplice carie.

In Dentosofia la cura della bocca è solamente un mezzo per raggiungere un equilibrio, non solo orale, ma dell’intero organismo inteso come unione di corpo e spirito, due entità che essendo, ovviamente, inscindibili, si influenzano e dipendono reciprocamente. L’obbiettivo della terapia è quindi (come ripetuto tante volte in questo sito, se già avete avuto la gentilezza e pazienza di leggerne altre sezioni!), quello di ‘restituire’ a ciascuno una bocca sana, che rifletta un’armonia psicofisica generale e un reale stato di salute.

Lunedì, 22 Ottobre 2012 22:41

L'Attivatore

Quando si parla di Dentosofia si fa riferimento, principalmente, a un'armonia e un equilibrio della bocca che sono sì a grandi linee definibili in alcuni modelli fisiologici, ma che risultano personalissimi e mutevoli nel tempo. In sostanza, ogni bocca ha il proprio equilibrio, e il paziente stesso, accompagnato dal terapeuta, è in grado di seguire il percorso verso questo equilibrio, seguendo una cura che non è stabilita a priori in tutte le sue tappe ma che si svolge nel tempo seguendo un ritmo naturale. Chi detta questo ritmo? L’organismo. Così come è in grado di regolare autonomamente la respirazione, il battito del cuore, la guarigione delle ferite…

L'Attivatore - Studio Dentistico Dottor BonazziIl mezzo che permette di velocizzare il viaggio è l’APF, sigla che sta per Attivatore pluri-funzionale di Soulet-Besombes. Più semplicemente, l’Attivatore. Per quanto la terapia con Attivatore sia a tutti gli effetti una terapia d’avanguardia, la sua invenzione risale al 1953 ad opera di due professori francesi (Soulet e Besombes, appunto) che lo concepirono come un valido strumento per limitare i danni che tre mesi di villeggiatura facevano ai progressi ottenuti nelle bocche dei loro piccoli pazienti, a cui toglievano l’apparecchio per le vacanze estive, come si usava a quel tempo. Nonostante la fatica fatta per raddrizzarli, infatti, in nemmeno tre mesi i denti tornavano là da dove erano partiti. Pensarono così a un apparecchio che non causasse i problemi che davano fili metallici e ganci, che dovevano essere continuamente tenuti sotto controllo con visite in studio, sperando che questo, quantomeno, evitasse ai denti di muoversi, facendoli rimanere là dove l’apparecchio fisso li aveva faticosamente tirati. Diedero così ai loro pazienti un semplice paradenti di caucciù, materiale molto comune in Francia in quel periodo, e un appuntamento al termine dalle vacanze. Passata l’estate, al rientro i dottori rimasero sorpresi: non solo i pazienti non erano regrediti, mostravano addirittura dei progressi! E questo era ancora più sorprendente se consideravano il fatto che l’apparecchio di caucciù non esercitava nessuna trazione sui denti, i quali, quindi, si erano evidentemente mossi spontaneamente, e per giunta verso la propria sede naturale. Diedero il loro nome all’apparecchio e lo chiamarono “Attivatore”, perché sembrava attivasse alcune funzioni proprie della bocca che la facevano tendere all’equilibrio e al corretto funzionamento.

L'Attivatore - Studio Dentistico Dottor BonazziFacciamo due rapidi balzi in avanti nel tempo. Uno per arrivare agli anni novanta: un chirurgo dentista francese, il Dott. Montaud, incerto sulla decisione di estrarre a suo figlio alcuni denti che non avevano spazio in bocca, si reca a Parigi a seguire un corso tenuto dal Prof. Besombes sull’Attivatore, e rimane folgorato. Assieme a un suo collega, il Dott. Mathieu, studia gli effetti dell’attivatore provando a spiegarne il funzionamento. Non ci riesce del tutto, ma gli i risultati della terapia su suo figlio prima, e sulla sua famiglia e i suoi pazienti poi, sono talmente sorprendenti che decide di dedicarvisi completamente, abbandonando la chirurgia orale. Dà anche il nome alla disciplina che ha contribuito a fondare: Dentosofia, dalle parole greche per “denti” e “saggezza”.

Il secondo salto in avanti nel tempo ci porta ai giorni nostri. Quell’apparecchio di caucciù oggi è prodotto anche utilizzando materiali più moderni e resistenti, e ha preso forme diverse per affrontare meglio le differenti situazioni che si presentano nel corso della terapia, ma la sostanza è invariata. Si tratta di una sorta di paradenti, con una doppia doccia in grado di accogliere le due arcate dentarie tenendole separate, e isolarle completamente dall’azione delle labbra e della lingua, che è accompagnata fino alla propria posizione fisiologica a contatto con il palato. In un istante, quando “indossato” riporta la bocca alla sua modalità di funzionamento naturale. Praticamente tutte le malposizioni dentarie, le dismorfosi della bocca e persino alcuni disordini respiratori, infatti, sono causati dall’alterazione del normale sviluppo dell’apparato stomatognatico, che segue al mantenimento nel corso della vita di cattive abitudini durante masticazione, deglutizione e postura della lingua a riposo che, come una goccia d’acqua su una roccia, lasciano pian piano il segno. Un esempio pratico: immaginiamo di battere con la lingua, ogni volta che deglutiamo (e lo facciamo circa duemila volte al giorno), sugli incisivi, i cosiddetti ‘denti davanti’. Con l’andare del tempo, a meno che non siano corretti attraverso l’uso di un apparecchio ortodontico, gli incisivi tenderanno a sporgere. È un buon esempio anche perché permette di sottolineare una delle principali differenze che ci sono tra ortodonzia fissa e terapia con Attivatore. Mentre l’apparecchio ortodontico, se ben utilizzato dall’ortodontista, applicando una trazione riporterà gli incisivi in posizione e ce li terrà con la forza nonostante la continua spinta della lingua, l’Attivatore, molto più semplicemente (ed efficacemente!), educherà la lingua a poggiare sul palato durante la deglutizione e a riposo, eliminando così la spinta sugli incisivi che torneranno, a volte persino a una velocità stupefacente, in linea con gli altri denti. Con queste premesse, è intuitivo dedurre che tolto l’apparecchio la lingua porterà di nuovo i denti in fuori, mentre terminata la terapia con Attivatore, gli incisivi verranno finalmente lasciati in pace…

attivatorePer questo e per altri motivi, la terapia con Attivatore viene anche chiamata Riabilitazione Neuro Occlusale (RNO). È, infatti, una vera e propria rieducazione delle funzioni di base della bocca, dalla masticazione alla deglutizione, che la porta a raggiungere quel famoso equilibrio biomeccanico che le permetterà di lavorare più efficacemente e di durare nel tempo. I pazienti che portano l’Attivatore con regolarità, immancabilmente percepiscono quella sensazione di benessere che, riferita in studio durante la visita, strappa sempre un sorriso a chi ascolta.

Lunedì, 22 Ottobre 2012 22:37

Osteopatia

“Piuttosto che applicare una forza cieca dall’esterno, bisogna permettere alla funzione fisiologica dell’organismo di manifestare tutta la sua ineffabile potenza.”
W. G. Sutherland

 

osteopatiaIn Italia, fino a non molto tempo fa, l’osteopatia non aveva una collocazione precisa nel panorama delle professioni sanitarie. L’opinione generale sulla figura dell’osteopata andava da ‘massaggiatore’ delle ossa a santone in grado di curare in un batter di ciglia un torcicollo o un mal di testa ricorrenti da anni. Disciplina ormai matura, l’osteopatia nasce negli Stati Uniti nel 1874 ad opera di Andrew T. Still, medico di frontiera deluso dalla assai rudimentale medicina dell’epoca, dimostratasi incapace di far fronte a un’epidemia che gli portò via in pochi giorni moglie e quattro figli, lasciandolo solo ad interrogarsi sulle ragioni di un evento così brutale. Essendo un uomo profondamente religioso, giunse alla conclusione che Dio doveva avergli inflitto una tale disgrazia perché voleva che si rendesse conto di quanto inadeguata fosse la preparazione dei medici del tempo: si mise perciò all’opera per migliorarla. Dopo più di un decennio di peregrinazioni e studi, nel 1892 era pronto ad aprire la prima clinica osteopatica della storia, a Kirksville. Tale era l’efficacia dei suoi trattamenti e di quelli dei suoi studenti, che in pochi anni il numero dei pazienti aumentò così tanto che la ferrovia, che prima passava a trenta chilometri da Kirksville, fu smontata e spostata, perché passasse in città. Negli Stati Uniti la formazione accademica in osteopatia venne presto equiparata a quella in medicina, e così è al giorno d’oggi, dove gli osteopati possono proseguire gli studi in una specializzazione medica, e viceversa.

In Italia, dove pure è arrivata da poco, sempre più pazienti si rivolgono all’osteopatia convinti dall’approccio sistemico e naturale al problema, e da una disciplina che non si accontenta di porre rimedio al dolore nella sua manifestazione locale, come può essere ad esempio una contrattura ai muscoli del collo o un ginocchio dolorante, ma ne ricerca le cause e gli squilibri profondi, consapevole del fatto che solo risolvendoli alla radice si potrà consentire all’organismo di tornare alla propria condizione di salute. Una terapia osteopatica, quindi, si accompagna agevolmente alla Dentosofia: si potrebbe anzi definire ‘terapia osteopatica’ essa stessa, perché condivide i princìpi cardine su cui l’osteopatia si basa, primo fra tutti quello che definisce l’individuo come unità di corpo, mente e spirito. Entrambe le discipline, inoltre, basano le proprie cure sul presupposto fondamentale che l’organismo possiede capacità di autoguarigione, autoregolazione e conservazione della salute, e entrambe creano gli stimoli e le condizioni adeguate affinché queste qualità si manifestino, quando le terapie vengono ben integrate, in tempi sorprendentemente brevi.

Lunedì, 22 Ottobre 2012 22:37

Ozonoterapia

Molto probabilmente, tutti conosciamo il ruolo che l’ozono ha in atmosfera nel proteggerci dai raggi solari, e abbiamo imparato a preoccuparci quando sentiamo che il “buco nell’ozono” si è allargato ulteriormente; molti meno, invece, sono coloro i quali conoscono il suo impiego in ambito medico e sanitario.

Ozonoterapia - Studio Dentistico Dottor BonazziDal punto di vista chimico, l’ozono non è niente altro che un gas composto da molecole formate da tre atomi di ossigeno, al posto dei due che compongono le molecole di ossigeno gassoso, e come molte delle scoperte in medicina, quella del suo utilizzo a scopo terapeutico avvenne quasi per caso. Durante la prima guerra mondiale, in uno degli ospedali da campo le ferite sembravano guarire molto più in fretta del normale. Gli ufficiali medici tentarono quindi di individuare la causa di questo fenomeno, e la trovarono studiando la composizione dell’aria. L’ospedale, casualmente, era allestito nei pressi di una centrale elettrica, che emetteva ozono nell’aria durante il funzionamento: l’ozono, infatti, grazie al suo potere ossidante, ha una capacità battericida prossima alla sterilizzazione. Si diffonde così il suo utilizzo nella disinfezione, ad esempio dell’acqua minerale, degli acquedotti, delle piscine, di frutta e verdura, superfici e, ovviamente, dell’aria ambiente.

OzonoterapiaMa l’ozono ha, per l’organismo umano, anche degli effetti benefici che ne hanno segnato la diffusione in vari settori della medicina, dalla neurologia all’ortopedia. Possiede infatti proprietà analgesiche, antinfiammatorie, miorilassanti, attiva il microcircolo e il metabolismo, favorendo il rilascio dell’ossigeno ematico. Ovviamente, a noi interessa soprattutto l’impiego in ambito odontoiatrico dell’ozono. Applicato localmente, utilizzando un cappuccio di gomma che ne limita l’azione al singolo dente, l’ozono penetra fino a 3 mm nei tessuti, e grazie alla sua azione disinfettante e biostimolante, è in grado di eliminare la causa della carie (i germi) e stimolare il dente a remineralizzare la lesione e a deporre dentina di reazione. Cambia quindi, per il paziente, il modo di vivere la cura della carie: niente più trapano, tranne in rarissimi casi, niente più invasività né dolore. Per di più, l’ozono è efficacissimo nel trattamento di tutte le altre lesioni della bocca che devono fronteggiare la componente infettiva, pensiamo ad esempio alle afte.

Con l’ozonoterapia, quindi, rimangono indenni tutti i tessuti sani del dente, e si è in grado di intervenire applicando sempre quel concetto di odontoiatria ‘conservativa’ che è cardine e fulcro di tutta l’attività dello studio, nella certezza che l’unica via logica e naturale per qualsiasi terapia sia quella che rispetta le qualità dell’organismo, e che la sua capacità di guarigione superi in efficacia, precisione e saggezza qualunque intervento esterno, sia pure condotto con amore e a regola d’arte.

 

ozonoterapia

 

 

 

 

Lunedì, 22 Ottobre 2012 22:37

RNO

rnoFin dalla nascita, la bocca viene modellata nella forma dalle sue funzioni vitali: suzione, deglutizione, respirazione, masticazione e fonazione. Lo scheletro e le parti molli dell’organismo di un bimbo crescono e maturano adattandosi a ogni minimo stimolo, specialmente se costante e ripetuto nel tempo. Se la stimolazione è corretta, la bocca crescerà armoniosa in tutte le sue parti, se invece l’azione delle singole parti per qualunque motivo è scorretta, ecco che si verificano le tanto temute ‘dismorfosi’. I denti non trovano la posizione giusta nelle arcate per via di un incompleto sviluppo osseo, la lingua non appoggia correttamente durante la fonazione, il palato non si cresce in tutta la sua ampiezza e ugualmente i seni mascellari. Al nostro bambino capiterà di avere i denti malposizionati o sporgenti, una o più consonanti ‘moscie’, respirerà con la bocca anziché col naso risultando cronicamente costipato…

 

rnoSecondo la Dentosofia, i disturbi delle funzioni vitali hanno ripercussioni sia a livello organico che psichico, quindi emozionale e comportamentale. Il cardine della terapia dentosofica è perciò la correzione di queste funzioni alterate, alla quale seguirà in maniera naturale una armonizzazione della bocca in tutte le sue parti, dal rimodellamento osseo fino all’allineamento dei denti. Attraverso l’uso dell’Attivatore, la Riabilitazione Neuro Occlusale sollecita correttamente la bocca tramite adeguati esercizi incentrati sulla rieducazione delle sue funzioni vitali e interventi puramente dentistici. È una sorta di fisioterapia orale, in cui è indispensabile la collaborazione attiva e consapevole del paziente, che facilita e velocizza il processo di correzione neurofisiologica, posto alla base dei progressi visibili in bocca fin dai primi mesi. Nel corso della terapia, i miglioramenti ottenuti sui denti allevieranno o risolveranno problemi a occhi, collo, schiena e postura, eliminando gradualmente anche mal di testa e dolori cervicali e lombari, comunemente presenti in pazienti che soffrono di malocclusione.

 

La RNO, i cui princìpi sono stati teorizzati dal Dott. Pedro Planas, è una terapia che mostra i suoi effetti più eclatanti sui bambini, i quali essendo in crescita sono avvantaggiati dall’avere strutture ancora plastiche e malleabili che rispondono molto velocemente ai nuovi stimoli; ma nessun organismo di qualsiasi età è resistente al cambiamento, semplicemente saranno necessari maggior impegno e più tempo perché i miglioramenti si presentino. L’obbiettivo della terapia è permettere alla bocca di raggiungere, alla fine del trattamento, lo sviluppo armonioso previsto dalla natura, sia nella forma che nelle funzioni.

Lunedì, 22 Ottobre 2012 22:35

Dentosofia

Dentosofia

È difficile presentare in poche parole una disciplina come la Dentosofia. Ci si può provare partendo dal nome, che la qualifica come qualcosa che va un po’ oltre alla concezione di dentista. Si tratta, infatti, di un termine coniato a partire dalle parole greche che significano ‘denti’ e ‘saggezza’. Questo perché, dopo anni di pazienti trattati in studi dentistici di diversi paesi (è una disciplina che si è diffusa in Europa dopo essere nata in Francia), si è capito e sperimentato che esiste una connessione fra i denti e le altre strutture dell’organismo, oltre che allo spirito della persona e alla sua emotività; il dentosofo perciò, a differenza del dentista, considera la bocca un modello psicosomatico che gli permette di aiutare il paziente mantenendo una visione olistica, nella quale il benessere della persona influenza -e dipende da- lo stato di salute della bocca stessa.

A differenza delle convenzionali tecniche odontoiatriche, dall’ortodonzia alla parodontologia, la Dentosofia evita di dirigere i cambiamenti della bocca del paziente verso un obbiettivo standardizzato, che segua rigidi canoni estetici e meccanici definiti a priori. Dentosofia - Studio Dentistico Dottor BonazziLa bocca è bella e sana quando riflette lo stato di equilibrio della persona, e la conseguenza di questo è che -detto in parole povere e forse in maniera un po’ brutale- ciascuno deve meritarsi la propria. In Dentosofia non si applicano forze esterne nel sistema stomatognatico, l’unica che viene stimolata e indirizzata durante il trattamento è la forza di volontà del paziente, supportata e incentivata dai miglioramenti che si presentano con velocità sorprendente in coloro che si applicano coscientemente e costantemente nell’utilizzo dell’Attivatore, e nel seguire le (poche) regole della Riabilitazione Neuro Occlusale.

Potrebbe sembrare strano che i denti si spostino senza interventi esterni, eppure è un fatto quotidianamente riscontrato in qualsiasi studio dentistico: quando viene tolto l’apparecchio ortodontico, i denti rimangono allineati solamente se viene posta una contenzione a trattenerli, altrimenti rapidamente e inesorabilmente si dirigono verso la posizione in cui sembrano stare più ‘comodi’. È questa la forza che viene utilizzata in Dentosofia, quella che permette a ogni singola parte del nostro organismo di tendere all’equilibrio: vengono, infatti, poste le basi per un equilibrio nuovo, che partendo dalla bocca si diffonde poi globalmente. Anche questo fa parte ormai dell’odontoiatria classica, spesso si sente di amici e conoscenti che hanno risolto il proprio mal di testa andando dal dentista. È un buon esempio, ma con la Dentosofia i benefici si ottengono anche in aree della salute in cui non si crederebbe possibile intervenire.

Per chi volesse soddisfare appieno il proprio interesse e la propria curiosità, il consiglio è quello di leggere il libro ‘Denti & Salute’, che ha portato tanti dentisti ad avvicinarsi alla Dentosofia. Scritto direttamente da uno dei papà di questa disciplina, Michel Montaud, non è affatto un libro tecnico, si tratta di una piacevole lettura che richiede un paio d’ore, ma che cambierà sicuramente il modo in cui guarderete allo specchio il vostro sorriso.